Esploratore

Esploratore

CLARAF SCARICARE

Posted on Author Shaktikasa Posted in Giochi


    Vedi anche. Scarica il programma ClaRaF · Scarica il programma ClaRaF Pubblicato sul sito istituzionale il database VVF ClaRaf Il linea il programma applicativo "ClaRaF" per il calcolo del carico di incendio specifico di progetto e della classe del compartimento in. Pubblicato sul sito istituzionale dei Vigili del Fuoco il database VVF ClaRaf A seguito della pubblicazione SCARICA IL MANUALE UTENTE CLARAF Il database ClaRaf rilasciato dai Vigili del Fuoco l'8 febbraio , database compatibile con nuovo Codice di prevenzione incendi, info e.

    Nome: claraf
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 48.68 Megabytes

    La realizzazione, da parte dell Area Protezione Passiva della DCPST, di un programma automatico finalizzato alla classificazione di resistenza al fuoco delle costruzioni in applicazione del D. In ClaRaF 2. Le novità inserite nella nuova release sono di seguito elencate: Compatibilità verso tutti i sistemi operativi della Microsoft compresa l ultima versione Windows 8 32 e 64 bit.

    Gestione della stampa con l aggiunta di Crystal Report. Possibilità di memorizzare un progetto, richiamarlo, modificarlo o eliminarlo. Personalizzare il progetto con i dati del progettista.

    In ClaRaF 2. Le novità inserite nella nuova release sono di seguito elencate: Compatibilità verso tutti i sistemi operativi della Microsoft compresa l ultima versione Windows 8 32 e 64 bit. Gestione della stampa con l aggiunta di Crystal Report.

    Get the Manuale utente v1.2 - Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - vigilfuoco

    Possibilità di memorizzare un progetto, richiamarlo, modificarlo o eliminarlo. Personalizzare il progetto con i dati del progettista. Chiarimenti ed indirizzi applicativi. La risoluzione ottimale dello schermo dovrebbe essere per , poiché per risoluzioni inferiori alcune maschere potrebbero non essere interamente visualizzate.

    ClaRaF v 2. Nel caso in cui il Framework 3. La nuova installazione non andrà a modificare il funzionamento della precedente versione. Sono richiesti circa MB di spazio per l installazione, gran parte richiesto dalla gestione della stampa.

    Pubblicazione database VVF ClaRaf 3.0

    Al termine della procedura apparirà l icona ClaRaF 2. Per disinstallare il programma, scegliere Avvio, Impostazioni, Pannello di Controllo e Installazione applicazioni; dalla lista di applicazioni selezionare ClaRaF e cliccare su Rimuovi.

    Non è necessario riavviare il sistema dopo aver installato o disinstallato il programma. Per il corretto svolgimento dei calcoli in ClaRaF impostare nel Pannello di Controllo il formato numerico italiano, ovvero utilizzare la virgola come separatore dei decimali. Qualsiasi utilizzo a fini professionali non comporta assunzione di responsabilità da parte degli autori. Cliccare su avanti per proseguire con la maschera Formula Carico d Incendio.

    Ad esempio, bisogna specificare 1,23 e non 1. Cliccare su Indietro per tornare alla maschera Avvio.

    Direzione Centrale per la Prevenzione e Sicurezza Tecnica – Aggiornamento del database ClaRaf

    Cliccare su Avanti per proseguire con la maschera Carico di incendio specifico. In questo modo, è possibile specificare vedi 6. In questo modo è possibile specificare una combinazione di arredi p.

    In questo modo si possono specificare i materiali contenuti nel compartimento p. Cliccare su indietro per tornare alla maschera Formula Carico d Incendio. Una delle novità introdotte in ClaRaf v2. Dopo il riempimento dei campi di testo, i dati risulteranno inseriti nel database e resi disponibili, tramite casella a discesa, ogni qual volta si inizierà un nuovo progetto. Nonostante per tali attività non sia necessario effettuare una classificazione in base a quanto specificato dal [D.

    Inserire nella casella Area del compartimento, il corrispondente valore, espresso in m 2. È possibile personalizzare il database delle attività, in funzione di esigenze specifiche dell utente, eliminando attività già inserite o aggiungendone di nuove.

    Cliccando sul pulsante alla sinistra della scritta Aggiungi Nuova Tipologia, all interno del riquadro Personalizza il Database, appare una maschera di inserimento dove va digitato il nome della nuova attività.

    Cliccando su Annulla, si annulla l operazione di inserimento; cliccando su OK appare una nuova maschera in cui inserire il valore nominale del carico d incendio per la nuova attività; cliccando su OK si inserisce la nuova attività ed il relativo valore di carico d incendio specifico nel database del programma, cliccando su Annulla, si annulla l operazione di inserimento.

    In maniera simile, in questa maschera è possibile anche eliminare delle attività dal database: selezionare dal menù a tendina Tipologia l attività che si intende cancellare dal database e successivamente cliccare sul pulsante alla sinistra della scritta Elimina Tipologia Selezionata, all interno del riquadro Personalizza il Database. Per aggiungere un elemento di arredo alla lista, cliccare sul menù a tendina Tipo di arredo e selezionare l elemento fra quelli elencati.

    È possibile inserire più elementi di arredo uguali specificandone il numero nella casella Qtà [pezzi]. Per alcuni elementi di arredo presenti nella lista, il carico d incendio riportato è relativo all unità di superficie e non al singolo pezzo p. Inserire nella casella Area del compartimento, il corrispondente valore, espresso in m2. È possibile inserire più elementi di arredo uguali specificandone il numero nella casella Qtà [pezzi].

    Per aggiungere una merce in deposito alla lista, cliccare sul menù a tendina Tipo di merce in deposito e selezionare la merce fra quelle elencate.

    Specificare poi la quantità di materiale in metri cubi nella casella Qtà [m3].

    È possibile personalizzare il database di merci in deposito con modalità simili a quelle descritte nel paragrafo 6. Per aggiungere un materiale alla lista, cliccare sul menù a tendina Tipo di materiale e selezionare il materiale fra quelli elencati. Dopo aver selezionato il materiale, inserire nella casella Qtà [kg] la massa in chilogrammi di quel materiale presente nel compartimento.

    È possibile personalizzare il database di materiali con modalità simili a quelle descritte nel paragrafo 6. Si aprirà la finestra Dati inseriti nella sommatoria, nella quale è possibile modificare i dati già inseriti oppure aggiungerne di nuovi.

    Cliccare su indietro per tornare alla maschera carico di incendio specifico4, altrimenti su avanti per visualizzare la maschera Fattore Rischio 1.

    Vengono riportate inoltre la classe di riferimento e la classe minima per il livello di prestazione III anche in questo caso, fare riferimento al [D. In questa maschera è possibile inoltre prendere in considerazione la presenza di elementi strutturali lignei, secondo le modalità definite nel [D. Inoltre, dopo aver cliccato su aggiorna, non è più possibile eliminare dal calcolo il contributo delle strutture portanti lignee.

    La somma di questi due contributi viene poi utilizzata per il calcolo del qf,d. Cliccando su Stampa, viene visualizzata la maschera di stampa Report per Attività; cliccando su Indietro si torna alla maschera Totale. Per effettuare una nuova analisi, cliccare su Nuova analisi: verrà visualizzata la maschera carico di incendio specifico vedere paragrafo 6.

    In questo caso, i dati precedentemente immessi verranno cancellati. In base alla risoluzione scelta per il monitor utilizzato, la maschera potrebbe non essere completamente visualizzata, in questo caso, utilizzare la barra di scorrimento verticale per visualizzare i dati contenuti.

    In ogni caso la maschera viene stampata correttamente, anche se non completamente visualizzata.

    Potrebbe piacerti:SCARICA VOLANTINO BENNET

    consigliata: